6 motivi per cui ogni investitore dovrebbe possedere un conto DEGIRO

6 motivi per cui ogni investitore dovrebbe possedere un conto DEGIRO

Scegliere un broker è una decisione importante, in questo articolo proviamo ad aiutarti a schiarirti le idee

Scegliere un broker è una decisione importante, in questo articolo proviamo ad aiutarti a schiarirti le idee

Investire in azioni

Pronto a dare una svolta?

DEGIRO è un broker online che ha fatto il suo ingresso nel mondo degli investimenti e del trading online solo da pochi anni, ma che in brevissimo tempo ha sbaragliato la concorrenza dei suoi competitors in Europa, nonostante la ragionevole diffidenza iniziale (lo ammettiamo, compresa la nostra).

Ci sono una serie di motivi per cui un investitore che non possiede un conto DEGIRO sta perdendo più di un’occasione. Questi motivi li abbiamo racchiusi in 6 punti.

N.B.: aprire un conto con DEGIRO non significa dover necessariamente chiudere il conto di trading con il tuo broker o banca attuale, anzi! Un conto DEGIRO risulta ancora più efficiente se utilizzato come integrazione di altri conti di trading che possiedono caratteristiche diverse.

1. Il conto DEGIRO è al 100% senza costi

Un conto DEGIRO è un conto di trading, non un conto bancario. Su tale conto piuttosto va allacciato un IBAN personale tramite il quale effettuare i depositi e i prelievi di denaro. Una volta alimentato il conto, tramite la piattaforma DEGIRO si potranno effettuare le transazioni in borsa e mantenere i titoli acquistati in portafoglio.

Aprire e chiudere un conto è sempre gratuito (e senza importi minimi). Anche il mantenimento del conto è senza costi.

No costi d’inattività; no costi per la piattaforma; no costi di custodia; no costi di prelievo. Nada.

Ipotizziamo di voler comprare €10.000 di azioni oggi, con l’obiettivo di rivenderle tra 10 anni.

Bene, se aprissimo oggi un conto DEGIRO per eseguire tale strategia, gli unici costi che sosterremo per i prossimi 10 anni sono quelli relativi all’acquisto e alla vendita dei nostri titoli (ossia una manciata di euro). That’s it!

2. Le commissioni di negoziazione sono eccezionali

Probabilmente lo avrai già testato sulla tua pelle di trader: le commissioni di negoziazione possono avere un impatto determinante sui rendimenti in borsa.

Le tue operazioni di trading possono rivelarsi redditizie sulla carta, salvo poi vedersi il profitto teorico divorato dai costi di commissione, specialmente quando si effettuano tanti trades nel corso dell’anno.

Su alcuni mercati DEGIRO ha commissioni nella media, ma su qualche borsa ha commissioni davvero imbattibili, come ad esempio i mercati azionari e dei derivati italiani e USA.

Senza dilungarci in eccessivi giri di parole, verifica tu stesso tramite il nostro tool per il calcolo delle commissioni se DEGIRO è il broker più conveniente in base alla tua operatività.

3. L’accesso ai mercati è globale

Un broker moderno deve permettere all’investitore di accedere a tutti i mercati mondiali. Non farlo significa privarlo di potenziali opportunità di guadagno.

Con ben 65 mercati mondiali disponibili, DEGIRO è secondo solo a Interactive Brokers (120 mercati). 65 mercati sono più del doppio di quelli offerti da Directa (32) e Fineco (26).

Oltre ai classici mercati italiani e europei, con DEGIRO si possono negoziare azioni canadesi, australiane, giapponesi ecc. Mica male!

Confronta DEGIRO con altri broker simili:

4. La gestione fiscale è il massimo dell’efficienza

“DEGIRO ha commissioni molto basse ma non fa da sostituto d’imposta. Alla luce di questo, meglio continuare a fare trading con la banca attuale, anche se ci costa di più”.

Questo era il punto di vista della community di investitori allorquando era venuta a conoscenza di DEGIRO agli inizi.

Ebbene sì, DEGIRO è stata in grado di trasformare questa sua debolezza in uno dei suoi punti di forza!

Seppur sia risaputo che il regime dichiarativo presenta notevoli vantaggi rispetto al regime amministrato, molti investitori preferiscono quest’ultimo per una questione di praticità (o forse perché gli intermediari italiani hanno furbescamente demonizzato negli anni il regime dichiarativo, così da tenere lontani i concorrenti stranieri. Ma questo è un altro discorso).

Vista la situazione, piuttosto che passare al regime amministrato (e quindi agendo da sostituto d'imposta), DEGIRO ha continuato ad applicare il regime dichiarativo ma (novità assoluta) pensando bene di fornire ai clienti la modulistica fiscale già compilata. Così il cliente non deve fare altro che presentare la dichiarazione dei redditi con il report fiscale preparato dai commercialisti di DEGIRO.

Quali vantaggi si ottengono?

  • Si rimanda il pagamento delle imposte all’esercizio successivo (laddove con il regime amministrato la riscossione automatica avviene su base giornaliera).
  • Si permette di gestire al meglio le plusvalenze e minusvalenze durante l’anno, riuscendo ad ottenere un’ottimizzazione fiscale, che si traduce in una minore base imponibile per chi è bravo.

Pagare meno tasse e pagarle un anno dopo. A chi non piace?

5. I fondi depositati sono in una botte di ferro

Il severo regolatore olandese non permette a DEGIRO di detenere i fondi dei clienti sotto forma di liquidità. Piuttosto questi devono essere investiti in quote di Fondi Comuni Monetari, i quali investono in titoli di Stato tripla A a 60 giorni (Francia, Germania, Paesi Bassi, Svezia).

Le quote di tali fondi hanno ad oggi rendimenti negativi ma nessun problema: DEGIRO compensa i rendimenti negativi dei fondi comuni, cosicché la liquidità per ogni cliente rimane sempre la stessa.

Detto in altre parole: laddove tutti gli altri operatori sono costretti ad accettare un rendimento negativo per avere i propri fondi mantenuti nel modo più sicuro possibile (titoli di Stato a tripla A a breve scadenza), i clienti di DEGIRO avranno la liquidità investita in suddette obbligazioni governative ma senza i rendimenti negativi.

O forse pensate che avere i soldi depositati presso una banca sia più sicuro?

6. È tutto semplice

DEGIRO brilla per praticità. E questo è un aspetto che apprezziamo molto.

Aprire un conto è rapido e senza dover sbattere contro i classici muri della burocrazia italiana.

La piattaforma di trading è spartana (ok, per i trader esigenti forse lo è un po’ troppo) e permette di essere utilizzabile senza fronzoli anche da chi non possiede molta esperienza.

Dal motore di ricerca si trovano rapidamente i titoli a cui siamo interessati. Si aggiungono alla Watchlist oppure si acquistano e vendono in pochi click e si tiene traccia del loro andamento sul portafoglio, anche tramite la app user-friendly di DEGIRO.

 

Queste che hai appena letto sono alcune nostre considerazioni personali sul broker online DEGIRO, supportate anche dai numeri: oltre 400.000 investitori in Europa hanno aperto un conto con DEGIRO in appena 6 anni.

Se vuoi maggiori informazioni, leggi la nostra recensione ufficiale su DEGIRO, oppure visita il sito degiro.it.


Ti potrebbe anche interessare:

Image
Image
Image

Disclaimer: La mission principale di Qualebroker.com è di fornire recensioni, comparazioni, opinioni e analisi obiettive e imparziali. Qualebroker.com non fornisce nessun tipo di consulenza né di sollecitazione agli investimenti. La compravendita di strumenti finanziari rappresenta un elevato livello di rischio in cui si può potenzialmente perdere tutto il capitale investito. Solo coloro i quali sono consapevoli di tale rischio dovrebbero negoziare nei mercati finanziari. Operando in un’ottica di business online, Qualebroker.com potrebbe essere remunerato da terze parti inserzioniste. Tale remunerazione non va interpretata come un’approvazione o una raccomandazione da parte di Qualebroker.com, né influenzerà in alcun modo le nostre recensioni, analisi e opinioni. Per maggiori informazioni si prega di consultare il nostro disclaimer.

‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍