Il primo segreto che ho imparato per sopravvivere nel trading online

Il primo segreto che ho imparato per sopravvivere nel trading online

Ecco un aneddoto che mi è costato caro 10 anni fa, ma senza il quale non avrei imparato il primo segreto per investire con successo.

Ecco un aneddoto che mi è costato caro 10 anni fa, ma senza il quale non avrei imparato il primo segreto per investire con successo.

Investire in azioni

Lo ricordo come fosse ieri. In quel torrido mese di giugno di 10 anni fa, io e il mio amico e collega universitario Federico stavamo preparando l’esame di Statistica.

In concomitanza con i nostri impegni universitari, in quel periodo ci eravamo ormai appassionati sempre di più allo studio dei listini azionari americani. Alternavamo lo studio sui libri e sugli appunti di statistica all’analisi al computer di un gran numero di titoli.

All’epoca avevamo la fortuna di poter utilizzare gratuitamente il portale Bloomberg del nostro ateneo.

In quei giorni avevamo tra le mani il titolo Netflix. Ritenevamo che l’idea di streaming online on demand avesse potuto avere un grande successo a livello mondiale. La società aveva inoltre a nostro avviso un rapporto prezzo/utili molto interessante.

Per queste ed altre ragioni decidemmo quindi di acquistare coi nostri risparmi le azioni Netflix quotate sul Nasdaq.

Il prezzo d’ingresso era di circa $15,90 e l’obiettivo era di venderle ad almeno $19, aggiungendo anche uno stop-loss di $13,50 sull’intera posizione. Entrambi volevamo investire un controvalore di €5.000.

Federico già possedeva un deposito titoli presso la sua banca mentre io no.

E così la sera a casa mi misi subito alla ricerca sul web di un broker che mi permettesse di effettuare l’investimento pianificato. Dopo una breve ricerca ritenni di aver trovato quello che faceva esattamente al caso mio: un broker online con un sito moderno, il quale permetteva di fare trading sulla maggior parte delle azioni quotate sul Nasdaq, tra cui appunto il titolo Netflix. Aveva pesato nella mia scelta il fatto che il broker non addebitasse alcuna commissione sull’operazione.

Aprì subito un conto online e depositai tramite carta di credito i miei €5.000, così che l’indomani potessi inserire l’ordine di acquisto. Andai a dormire eccitato all’idea di effettuare la mia prima operazione di trading online di lì a poco.

Il giorno seguente sia io che Federico acquistammo, ognuno per conto suo, 400 azioni Netflix ad un prezzo unitario di $15,88.

Da lì in avanti insieme monitoravamo, giorno dopo giorno, l’andamento del prezzo, le news sulla società e i dati aziendali.

Dopo quasi 3 mesi, Netflix quotava $19,80: le nostre intuizioni si erano rivelate corrette. Entrambi decidemmo di chiudere la posizione e di realizzare il profitto.

Lo stesso giorno con Federico ci incontrammo per discutere dell’operazione conclusa. Il profitto lordo realizzato era di $3,92 ad azione che moltiplicato per 400 azioni, dava come risultato $1.568, l’equivalente di 1.200 euro circa. A questa cifra lorda bisognava detrarre le imposte sulle plusvalenze (oggi pari al 26%, all’epoca erano del 12,50%), oltre che tutti i costi imputabili al broker.

Ed ecco a questo punto venire fuori l’amara verità. Federico si ritrovava sul suo conto di trading un saldo disponibile pari a €6.154, aveva quindi conseguito un profitto di €1.154. La sua banca gli aveva addebitato €16 euro di commissioni (€8 per l’acquisto + €8 per la vendita), €20 per il cambio valuta, €10 per l’accesso al mercato del Nasdaq.

L’intera operazione gli era costata €46, ossia lo 0,92% dell’importo investito. Poiché Federico nel suo zainetto fiscale aveva delle minusvalenze pregresse, queste sono andate a compensare la plusvalenza realizzata, così che nessun’imposta sui capital gains gli è stata applicata.

Quanto era invece il mio saldo disponibile sul conto di trading? A fronte del mio deposito iniziale di €5.000, il saldo era di appena €5.520 euro. Ingenuamente infatti non avevo acquistato azioni reali di Netflix, bensì avevo negoziato dei CFD (Contract for difference) con il mio broker, ossia degli strumenti finanziari derivati che replicavano l’andamento del sottostante (in questo caso di Netflix).

Se è vero che l’acquisto di CFD era avvenuto senza costi di commissione, il broker d’altra parte mi aveva addebitato in 3 mesi ben €450 di costi di rollover, ossia quei costi sui CFD per il mantenimento della posizione overnight. In aggiunta, il broker mi aveva addebitato circa €80 di costi di cambio valuta, €30 di tenuta conto (€10 al mese) e altri €74 di interessi passivi.

In poche parole, il costo complessivo dell’operazione era stato di €680, vale a dire il 13,6% dell’importo inizialmente investito!

Quale lezione ho imparato da questa esperienza?

All’inizio della mia carriera da investitore ho focalizzato tutta la mia attenzione su dove e quanto investire, senza considerare come.

A differenza del mio collega Federico che utilizzava una banca online trasparente, io avevo condotto in maniera ingenua il mio investimento attraverso un prodotto (il CFD offerto da un market maker) adatto per operazioni di breve termine, ma completamente inadeguato per operazioni di medio-lungo termine. Questo errore mi è costato diverse centinaia di euro in una singola operazione.

Ho pensato tra me e me: quanto mi sarebbe costato un errore del genere non su una ma su 50 operazioni?

Da allora mi sono reso conto di quanto sia importante la scelta dell’intermediario attraverso cui effettuare gli investimenti.

Ho iniziato a studiare l’offerta delle banche e dei broker, le loro condizioni con tutti gli aspetti nascosti che un trader dovrebbe conoscere.

Ho imparato col tempo che per ogni operazione di trading, il costo complessivo non deve mai superare l’1%: in caso contrario probabilmente la tua banca/broker si sta intascando più del dovuto (lo stesso discorso vale per i prodotti finanziari venduti dalle banche ai clienti).

Col passare degli anni ho fatto di questa la mia missione qui su QualeBroker.com: quella di mettere in guardia le migliaia di traders italiani, aiutandoli a comprendere quanto sia fondamentale scegliere con cura il proprio broker e gli strumenti finanziari da negoziare.

A prescindere dalla tua bravura nel fare trading online, un broker onesto e trasparente ti aiuta a massimizzare i guadagni e ridurre le perdite.

Nel corso degli anni ho altresì imparato che i costi sono solo una delle varie componenti da prendere in considerazione nella scelta di un broker o banca: altrettanto importanti sono infatti aspetti come la sicurezza, la stabilità delle piattaforme offerte, la qualità del servizio clienti, l’accesso ai vari mercati ecc.

Questi ed altri parametri sono costantemente analizzati e valutati da tutto il team di QualeBroker.com, così da garantire ai nostri utenti, specialmente quelli alle prime armi, che errori iniziali come il mio di 10 anni fa vengano assolutamente evitati.


Ti potrebbe anche interessare:

Image
Image
Image

Disclaimer: La mission principale di Qualebroker.com è di fornire recensioni, comparazioni, opinioni e analisi obiettive e imparziali. Qualebroker.com non fornisce nessun tipo di consulenza né di sollecitazione agli investimenti. La compravendita di strumenti finanziari rappresenta un elevato livello di rischio in cui si può potenzialmente perdere tutto il capitale investito. Solo coloro i quali sono consapevoli di tale rischio dovrebbero negoziare nei mercati finanziari. Operando in un’ottica di business online, Qualebroker.com potrebbe essere remunerato da terze parti inserzioniste. Tale remunerazione non va interpretata come un’approvazione o una raccomandazione da parte di Qualebroker.com, né influenzerà in alcun modo le nostre recensioni, analisi e opinioni. Per maggiori informazioni si prega di consultare il nostro disclaimer.

‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍