I migliori broker sostituti d'imposta

I migliori broker sostituti d'imposta

La nostra selezione di banche e broker che offrono il regime amministrato

La nostra selezione di banche e broker online che offrono il regime amministrato

Come abbiamo già più volte ribadito all’interno di QualeBroker.com, decidere con quale broker fare trading online è una scelta del tutto soggettiva, frutto delle preferenze individuali dell’investitore.

Non esiste un broker o una banca migliore in assoluto per tutti i traders. Ogni intermediario ha delle caratteristiche e dei servizi che lo differenziano da ognuno dei suoi competitors: diversa piattaforma, diversi asset finanziari offerti, diversi costi, diverso regime fiscale e tanto altro.

Proprio con riferimento a quest’ultimo aspetto, quello fiscale, tantissimi investitori italiani effettuano una prima grande scrematura tra i broker a disposizione, considerando solo quelli che offrono il regime amministrato e agiscono da sostituto d’imposta.

Regime amministrato vs Regime dichiarativo

Il regime del risparmio amministrato si contrappone al regime dichiarativo. Senza addentrarci troppo nelle differenze tra i due regimi a confronto (puoi approfondire l’argomento leggendo la nostra guida sulla fiscalità nel trading online cliccando qui), in questa recensione ci limitiamo ad accennare brevemente le loro differenze principali, per poi passare alla classifica di quelli che secondo noi di QualeBroker.com sono i migliori broker che offrono il regime amministrato ai propri clienti.

Il regime del risparmio amministrato permette al cliente della banca o del broker di delegare la gestione della fiscalità all’intermediario, il quale agirà da sostituto d’imposta. Il broker quindi sarà responsabile di calcolare, dichiarare e versare tutte le imposte generate dall’attività di trading del cliente.

Il regime dichiarativo invece prevede che sia l’investitore ad effettuare il calcolo, la dichiarazione e il versamento delle imposte. Su di esso graverà la responsabilità dei calcoli.

In linea di massima possiamo sostenere che il regime amministrato, a differenza di quello dichiarativo, offre all’investitore una certa tranquillità, in quanto trasferisce tutti gli obblighi e le conseguenti responsabilità in capo all’intermediario. Tuttavia con il regime dichiarativo, l’investitore potrebbe ottenere diversi vantaggi economici, nonché un’ottimizzazione fiscale che gli permetterebbe di pagare meno imposte al termine dell’anno.

Entrambi questi regimi fiscali hanno quindi i loro pro e contro: spetta ad ogni singolo investitore mettere questi vantaggi e svantaggi sulla propria bilancia delle preferenze e decidere verso quale dei due orientarsi.

Se da un’analisi delle tue preferenze è emersa una predilezione verso il broker/banca sostituto d’imposta, allora dovrai prendere in seria considerazione gli intermediari che ti proponiamo di seguito.  

Quali sono i migliori broker sostituti d’imposta?

Secondo il sistema fiscale italiano, al fine di poter offrire il regime del risparmio amministrato agli investitori italiani, il broker o banca deve avere una stabile organizzazione sul territorio italiano (ad esempio un ufficio o una succursale). Tutti gli intermediari sprovvisti di questo imprescindibile requisito non potranno agire da sostituti d’imposta. Se quindi sei interessato ad aprire un conto di trading in regime amministrato con broker online come DEGIRO, Interactive Brokers, Dukascopy ecc., rassegnati perché ciò non sarà possibile, almeno fino a quando questi broker non avranno una succursale in Italia. Nel frattempo potrai aprire un conto con questi broker utilizzando il regime dichiarativo.

Ecco quali sono i 4 migliori broker e banche sostituti d’imposta, scelti da noi di QualeBroker.com:

La metodologia usata

Tra tutti gli intermediari sostituti d’imposta, abbiamo selezionato questi quattro perché sono quelli che hanno ottenuto i punteggi più alti per le seguenti categorie:

  • Sicurezza
  • Commissioni e costi
  • Piattaforme di trading e app mobile
  • Opportunità di trading
  • Assistenza Clienti
  • Didattica e formazione

 

Di seguito troverai una sintesi dei broker scelti, con i loro servizi e caratteristiche principali. Se invece sei interessato a saperne più in dettaglio per ognuno di essi, ti suggeriamo di cliccare sul link delle recensioni per ogni broker.

I top 4 broker sostituti d'imposta:

1

Binck Bank

4,6/5

Informazioni principali

Paese: Paesi Bassi

Tipo di intermediario: banca online DMA

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader già in possesso di una certa esperienza e che vuole operare sui mercati regolamentati, il quale assegna maggiore importanza alle piattaforme e ai servizi, a fronte di commissioni buone ma non eccezionali.

» Recensione BINCK BANK

Per chi è alla ricerca di un broker sostituto d’imposta DMA, ossia un broker che permetta di negoziare gli strumenti regolamentati come azioni, ETF, obbligazioni, fondi ecc., quotati sulle borse globali, la nostra prima scelta ricade su Binck Bank.

Binck Bank è una banca online dei Paesi Bassi attiva in quattro paesi in Europa, tra cui l’Italia. Offre esclusivamente servizi d’investimento ai clienti, concentrandosi dunque solo sul trading online. Ha una sede a Milano in Via Ventura, per questo è abilitata ad esercitare la funzione di sostituto d’imposta per i clienti italiani.

Binck è autorizzata e supervisionata dall’AFM olandese ed è quotata sulla borsa Euronext (ISIN: NL0000335578). Un investitore che apre un conto con Binck sarà coperto dal fondo di garanzia olandese, il quale assicura fino a €100.000 per cliente.

I costi di tenuta del conto sono assenti. Le commissioni di trading hanno una struttura digressiva e sono nella media dell’industria finanziaria. Per venire incontro ai piccoli investitori è stato creato il profilo “Mini Trader Italia” il quale ha una struttura commissionale variabile dello 0,17% (min. €2,5) per i mercati cash italiani.

Con Binck si ha accesso a oltre 50 mercati mondiali con oltre 30.000 prodotti disponibili.

Le piattaforme di trading proprietarie sono due: la WebStart e la ProTrader. La prima è una piattaforma web ideale per gli investitori principianti o poco attivi. La seconda è una piattaforma desktop più sofisticata e concepita per i traders più esigenti. Molto ben fatta anche la app per dispositivi mobile, disponibile per sistemi iOS e Android.

Il Servizio Clienti in italiano è disponibile dalle 08:00 alle 22:00 e quasi sempre si ottiene assistenza in tempi brevi.

Apprezzabile la sezione didattica, contenente materiali didattici utili sia per i principianti che per gli investitori avanzati. Spesso vengono anche organizzati webinar, seminari ed eventi in tutta Italia.

 
 Pro:   Contro:
Rimborso dell’imposta di bollo     Struttura commissionale penalizzante per gli investitori poco attivi
Piattaforme adatte per tutti i tipi di traders     Commissioni troppo elevate sui mercati europei
Servizio Clienti efficiente e tempestivo     Conto DEMO disponibile senza denaro virtuale

 

I top 4 broker sostituti d'imposta:

1

Binck Bank

4,6/5

Informazioni principali

Paese: Paesi Bassi

Tipo di intermediario: banca online DMA

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader già in possesso di una certa esperienza e che vuole operare sui mercati regolamentati, il quale assegna maggiore importanza alle piattaforme e ai servizi, a fronte di commissioni buone ma non eccezionali.

» Recensione BINCK BANK

Per chi è alla ricerca di un broker sostituto d’imposta DMA, ossia un broker che permetta di negoziare gli strumenti regolamentati come azioni, ETF, obbligazioni, fondi ecc., quotati sulle borse globali, la nostra prima scelta ricade su Binck Bank.

Binck Bank è una banca online dei Paesi Bassi attiva in quattro paesi in Europa, tra cui l’Italia. Offre esclusivamente servizi d’investimento ai clienti, concentrandosi dunque solo sul trading online. Ha una sede a Milano in Via Ventura, per questo è abilitata ad esercitare la funzione di sostituto d’imposta per i clienti italiani.

Binck è autorizzata e supervisionata dall’AFM olandese ed è quotata sulla borsa Euronext (ISIN: NL0000335578). Un investitore che apre un conto con Binck sarà coperto dal fondo di garanzia olandese, il quale assicura fino a €100.000 per cliente.

I costi di tenuta del conto sono assenti. Le commissioni di trading hanno una struttura digressiva e sono nella media dell’industria finanziaria. Per venire incontro ai piccoli investitori è stato creato il profilo “Mini Trader Italia” il quale ha una struttura commissionale variabile dello 0,17% (min. €2,5) per i mercati cash italiani.

Con Binck si ha accesso a oltre 50 mercati mondiali con oltre 30.000 prodotti disponibili.

Le piattaforme di trading proprietarie sono due: la WebStart e la ProTrader. La prima è una piattaforma web ideale per gli investitori principianti o poco attivi. La seconda è una piattaforma desktop più sofisticata e concepita per i traders più esigenti. Molto ben fatta anche la app per dispositivi mobile, disponibile per sistemi iOS e Android.

Il Servizio Clienti in italiano è disponibile dalle 08:00 alle 22:00 e quasi sempre si ottiene assistenza in tempi brevi.

Apprezzabile la sezione didattica, contenente materiali didattici utili sia per i principianti che per gli investitori avanzati. Spesso vengono anche organizzati webinar, seminari ed eventi in tutta Italia.

Pro:

Rimborso dell’imposta di bollo.
Piattaforme adatte per tutti i tipi di traders.
Servizio Clienti efficiente e tempestivo.

Contro:

Struttura commissionale penalizzante per gli investitori poco attivi.
Commissioni troppo elevate sui mercati europei.
Conto DEMO disponibile senza denaro virtuale.

2

ActivTrades

4,6/5

Informazioni principali

Paese: Regno Unito

Tipo di intermediario: Market Maker

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader, sia principiante che avanzato, alla ricerca di una piattaforma completa che permetta di fare trading speculativo attraverso i CFD, sul Forex, Indici, Materie Prime ecc..

» Recensione ActivTrades

A differenza di Binck che è un broker DMA, abbiamo selezionato il miglior Market Maker che agisce da sostituto d’imposta: ActivTrades.

ActivTrades è un broker del Regno Unito (ma con una sede anche a Milano) che permette di fare trading solo tramite CFD su 7 asset finanziari. Questo tipo di broker è ideale per chi vuole operare con la leva, con orizzonti temporali giornalieri e su prodotti altamente speculativi come il Forex o le criptovalute.

ActivTrades è autorizzato e supervisionato dall’FCA del Regno Unito. I conti di trading possono essere assicurati fino a ben £1.000.000 e i fondi dei clienti vengono segregati e custoditi presso conti bancari separati. La protezione contro il saldo negativo evita al cliente di andare incontro a perdite potenziali superiori al valore del conto.

L’offerta di prodotti e borse è accettabile (seppure come detto limitata ai CFD). La leva finanziaria massima è di 1:30. Tuttavia per chi è interessato a leve finanziarie più alte, ActivTrades dispone di una succursale alle Bahamas. Aprendo un conto tramite la filiale extra-UE, si potrà beneficiare di leve finanziarie fino a 1:400.

Gli spreads sono più bassi rispetto a quelli dell’industria. Per via dei costi swap sulle posizioni aperte, questo broker non è consigliato per le operazioni overnight. I costi di tenuta conto si verificano solo a partire dal secondo anno di inattività del conto.

La piattaforma web proprietaria è intuitiva e facile da utilizzare. Per i traders più esperti si può allacciare il conto alla MT4 o MT5. Altrettanto user-friendly è la app per smartphone e tablet.

Il Servizio Clienti è davvero esaustivo (specialmente via chat) e disponibile 24 ore su 24 dal lunedì al venerdì. Completa è anche l’offerta didattica comprensiva di video tutorial, sessioni di live trading con traders professionisti, webinar e molto altro.

 
 Pro:   Contro:
Conto di trading assicurato fino a £1.000.000     Assenza di un sistema di protezione contro lo slippage
Servizio Clienti impeccabile     Disponibili per il trading solo i CFD
Piattaforme di trading adatte per tutti i tipi di trader     Costi d’inattività a partire dal secondo anno

 

2

ActivTrades

4,6/5

Informazioni principali

Paese: Regno Unito

Tipo di intermediario: Market Maker

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader, sia principiante che avanzato, alla ricerca di una piattaforma completa che permetta di fare trading speculativo attraverso i CFD, sul Forex, Indici, Materie Prime ecc..

» Recensione ActivTrades

A differenza di Binck che è un broker DMA, abbiamo selezionato il miglior Market Maker che agisce da sostituto d’imposta: ActivTrades.

ActivTrades è un broker del Regno Unito (ma con una sede anche a Milano) che permette di fare trading solo tramite CFD su 7 asset finanziari. Questo tipo di broker è ideale per chi vuole operare con la leva, con orizzonti temporali giornalieri e su prodotti altamente speculativi come il Forex o le criptovalute.

ActivTrades è autorizzato e supervisionato dall’FCA del Regno Unito. I conti di trading possono essere assicurati fino a ben £1.000.000 e i fondi dei clienti vengono segregati e custoditi presso conti bancari separati. La protezione contro il saldo negativo evita al cliente di andare incontro a perdite potenziali superiori al valore del conto.

L’offerta di prodotti e borse è accettabile (seppure come detto limitata ai CFD). La leva finanziaria massima è di 1:30. Tuttavia per chi è interessato a leve finanziarie più alte, ActivTrades dispone di una succursale alle Bahamas. Aprendo un conto tramite la filiale extra-UE, si potrà beneficiare di leve finanziarie fino a 1:400.

Gli spreads sono più bassi rispetto a quelli dell’industria. Per via dei costi swap sulle posizioni aperte, questo broker non è consigliato per le operazioni overnight. I costi di tenuta conto si verificano solo a partire dal secondo anno di inattività del conto.

La piattaforma web proprietaria è intuitiva e facile da utilizzare. Per i traders più esperti si può allacciare il conto alla MT4 o MT5. Altrettanto user-friendly è la app per smartphone e tablet.

Il Servizio Clienti è davvero esaustivo (specialmente via chat) e disponibile 24 ore su 24 dal lunedì al venerdì. Completa è anche l’offerta didattica comprensiva di video tutorial, sessioni di live trading con traders professionisti, webinar e molto altro.

Pro:

Conto di trading assicurato fino a £1.000.000.
Servizio Clienti impeccabile.
Piattaforme di trading adatte per tutti i tipi di trader.

Contro:

Assenza di un sistema di protezione contro lo slippage.
Disponibili per il trading solo i CFD.
Costi d’inattività a partire dal secondo anno.

3

Directa

4,5/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: broker online DMA

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader principiante o poco attivo, alla ricerca di un broker DMA con commissioni basse sui mercati italiani e con delle piattaforme facili da utilizzare.

» Recensione DIRECTA

Directa Sim è un broker 100% italiano. Non avrà dunque bisogno di succursali o altro per agire da sostituto d'imposta, poiché la sua sede principale è a Torino.

Directa è un broker DMA operativo da oltre 20 anni nel panorama del trading online. Così come Binck, anch’esso permette di fare trading su azioni, ETF, fondi derivati ecc. A differenza di Binck però permette di accedere a meno mercati (32 contro i 50 di Binck).

Essendo un broker, non una banca, il Fondo Nazionale di Garanzia italiano copre ogni cliente fino ad un massimale di €20.000 (per le banche il massimale è di €100.000).

La struttura commissionale per i mercati italiani è tra le migliori in circolazione. Il trader può infatti scegliere tra un profilo fisso, variabile o degressivo. Un po’ meno convenienti sono invece le commissioni per i mercati europei e americani. Non ci sono costi di tenuta conto o per l’utilizzo delle piattaforme proprietarie.

Directa propone ai suoi clienti due tipi di piattaforme proprietarie: la dLite le la Darwin2.

La prima è una piattaforma web ideale per gli investitori alle prime armi o comunque alla ricerca della semplicità. La seconda è rivolta ai traders con un’operatività più avanzata. Entrambe sono disponibili in modalità demo per essere testate.

Il Servizio Clienti è rapido e professionale, oltre che ad essere disponibile 24 ore su 24 dal lunedì al venerdì e fino alle 13:00 il sabato. Tuttavia non viene offerta assistenza via chat, pertanto i tempi di attesa sono in media più lunghi rispetto a chi offre supporto tramite suddetto canale.

Il materiale didattico conta numerosi corsi, video tutorial e webinar disponibili sul sito web. Directa è molto attiva nell’organizzazione di eventi live e incontri sul territorio ai quali chiunque può partecipare.

 
 Pro:   Contro:
Struttura commissionale adatta per ogni tipo di investitore     Schema di protezione con copertura fino a solo €20.000
Ampia scelta di piattaforme da utilizzare, sia proprietarie che esterne     Offerta limitata di mercati e prodotti
Broker italiano affidabile e con un’esperienza pluriennale     Sito web che andrebbe rimodernato

 

3

Directa

4,5/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: broker online DMA

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader principiante o poco attivo, alla ricerca di un broker DMA con commissioni basse sui mercati italiani e con delle piattaforme facili da utilizzare.

» Recensione DIRECTA

Directa Sim è un broker 100% italiano. Non avrà dunque bisogno di succursali o altro per agire da sostituto d'imposta, poiché la sua sede principale è a Torino.

Directa è un broker DMA operativo da oltre 20 anni nel panorama del trading online. Così come Binck, anch’esso permette di fare trading su azioni, ETF, fondi derivati ecc. A differenza di Binck però permette di accedere a meno mercati (32 contro i 50 di Binck).

Essendo un broker, non una banca, il Fondo Nazionale di Garanzia italiano copre ogni cliente fino ad un massimale di €20.000 (per le banche il massimale è di €100.000).

La struttura commissionale per i mercati italiani è tra le migliori in circolazione. Il trader può infatti scegliere tra un profilo fisso, variabile o degressivo. Un po’ meno convenienti sono invece le commissioni per i mercati europei e americani. Non ci sono costi di tenuta conto o per l’utilizzo delle piattaforme proprietarie.

Directa propone ai suoi clienti due tipi di piattaforme proprietarie: la dLite le la Darwin2.

La prima è una piattaforma web ideale per gli investitori alle prime armi o comunque alla ricerca della semplicità. La seconda è rivolta ai traders con un’operatività più avanzata. Entrambe sono disponibili in modalità demo per essere testate.

Il Servizio Clienti è rapido e professionale, oltre che ad essere disponibile 24 ore su 24 dal lunedì al venerdì e fino alle 13:00 il sabato. Tuttavia non viene offerta assistenza via chat, pertanto i tempi di attesa sono in media più lunghi rispetto a chi offre supporto tramite suddetto canale.

Il materiale didattico conta numerosi corsi, video tutorial e webinar disponibili sul sito web. Directa è molto attiva nell’organizzazione di eventi live e incontri sul territorio ai quali chiunque può partecipare.

Pro:

Struttura commissionale adatta per ogni tipo di investitore.
Ampia scelta di piattaforme da utilizzare, sia proprietarie che esterne.
Broker italiano affidabile e con un’esperienza pluriennale.

.

Contro:

Schema di protezione con copertura fino a solo €20.000.
Offerta limitata di mercati e prodotti.
Sito web che andrebbe rimodernato.

 

4

FINECO

4,1/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: banca online DMA

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader che opera con grossi volumi e/o che esegue tante operazioni mensili, così da essere assegnato alla fascia commissionale più bassa. La piattaforma PowerDesk proprietaria è tra le più intuitive e performanti.

» Recensione FINECO

Fineco è un istituto bancario italiano che non ha bisogno di grandi presentazioni, visto che è una delle soluzioni più conosciute e ricercate dagli investitori italiani per il trading online. Nonostante il grande potenziale tuttavia, alcune sue caratteristiche non le permettono di stare davanti ad altri broker e banche.

La trasparenza e l’affidabilità di Fineco non sono messe in discussione: essa è quotata su Borsa Italiana (ISIN: IT0000072170) e ha una capitalizzazione di oltre 5 miliardi di euro. I conti dei clienti aderiscono al sistema di garanzia dei depositi bancari, la cui copertura arriva fino a €100.000.

Fineco è una soluzione adatta per chi vuole racchiudere dentro un unico conto sia i servizi bancari che quelli d’investimento. Oltre ad una piattaforma di trading infatti vengono erogati i classici servizi bancari tradizionali, come il conto corrente, le carte di credito, i servizi di consulenza, i finanziamenti ecc.

Ad ogni modo i costi di Fineco la rendono una banca appetibile solo per gli investitori in possesso di ingenti capitali, oppure per quei traders che operano con volumi e numero di operazioni mensili molto elevate. Per tutti gli altri tipi di investitori, la commissione di negoziazione sarà di €19. L’unica soluzione interessante per i piccoli investitori è il Piano Replay, un piano di accumulo del capitale con importi fissi ridotti rispetto alle tariffe normali.

Anche l’offerta di mercati globali è limitata (26 borse contro le 50 di Binck). Interessante l’offerta dei CFD, sia sugli indici e azioni che sul Forex. Non sono molte le banche ad offrire strumenti a leva sul Forex per gli investitori al dettaglio.

La piattaforma proprietaria è la PowerDesk. Essa ha un canone mensile di €19,95 (azzerabile con un minimo di 5 operazioni al mese). Tale costo è giustificato dal fatto che la PowerDesk è una delle piattaforme migliori in circolazione, ottima sia per i principianti che per i traders avanzati.

Il Servizio Clienti è al di sotto della media, sia in termini di rapidità che di qualità dell’assistenza. Molto validi invece i materiali didattici disponibili sul sito web e gli eventi organizzati sul territorio.

 
 Pro:   Contro:
Istituto bancario affidabile e trasparente     Struttura commissionale poco appetibile per gli investitori al dettaglio
Ideale per riunire in un unico conto servizi bancari e di trading     Offerta limitata di mercati globali
PowerDesk tra le piattaforme più performanti in circolazione     Servizio Clienti al di sotto della media del settore

 

4

Fineco

4,1/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: banca online DMA

Conto senza costi:

Commissioni:

Piattaforme:

Ideale per: il trader che opera con grossi volumi e/o che esegue tante operazioni mensili, così da essere assegnato alla fascia commissionale più bassa. La piattaforma PowerDesk proprietaria è tra le più intuitive e performanti.

» Recensione FINECO

Fineco è un istituto bancario italiano che non ha bisogno di grandi presentazioni, visto che è una delle soluzioni più conosciute e ricercate dagli investitori italiani per il trading online. Nonostante il grande potenziale tuttavia, alcune sue caratteristiche non le permettono di stare davanti ad altri broker e banche.

La trasparenza e l’affidabilità di Fineco non sono messe in discussione: essa è quotata su Borsa Italiana (ISIN: IT0000072170) e ha una capitalizzazione di oltre 5 miliardi di euro. I conti dei clienti aderiscono al sistema di garanzia dei depositi bancari, la cui copertura arriva fino a €100.000.

Fineco è una soluzione adatta per chi vuole racchiudere dentro un unico conto sia i servizi bancari che quelli d’investimento. Oltre ad una piattaforma di trading infatti vengono erogati i classici servizi bancari tradizionali, come il conto corrente, le carte di credito, i servizi di consulenza, i finanziamenti ecc.

Ad ogni modo i costi di Fineco la rendono una banca appetibile solo per gli investitori in possesso di ingenti capitali, oppure per quei traders che operano con volumi e numero di operazioni mensili molto elevate. Per tutti gli altri tipi di investitori, la commissione di negoziazione sarà di €19. L’unica soluzione interessante per i piccoli investitori è il Piano Replay, un piano di accumulo del capitale con importi fissi ridotti rispetto alle tariffe normali.

Anche l’offerta di mercati globali è limitata (26 borse contro le 50 di Binck). Interessante l’offerta dei CFD, sia sugli indici e azioni che sul Forex. Non sono molte le banche ad offrire strumenti a leva sul Forex per gli investitori al dettaglio.

La piattaforma proprietaria è la PowerDesk. Essa ha un canone mensile di €19,95 (azzerabile con un minimo di 5 operazioni al mese). Tale costo è giustificato dal fatto che la PowerDesk è una delle piattaforme migliori in circolazione, ottima sia per i principianti che per i traders avanzati.

Il Servizio Clienti è al di sotto della media, sia in termini di rapidità che di qualità dell’assistenza. Molto validi invece i materiali didattici disponibili sul sito web e gli eventi organizzati sul territorio.

Pro:

Istituto bancario affidabile e trasparente.
Ideale per riunire in un unico conto servizi bancari e di trading.
PowerDesk tra le piattaforme più performanti in circolazione.

Contro:

Struttura commissionale poco appetibile per gli investitori al dettaglio.
Offerta limitata di mercati globali.
Servizio Clienti al di sotto della media del settore.

 


Ti potrebbe anche interessare:

Image
Image
Image

Disclaimer: La mission principale di Qualebroker.com è di fornire recensioni, comparazioni, opinioni e analisi obiettive e imparziali. Qualebroker.com non fornisce nessun tipo di consulenza né di sollecitazione agli investimenti. La compravendita di strumenti finanziari rappresenta un elevato livello di rischio in cui si può potenzialmente perdere tutto il capitale investito. Solo coloro i quali sono consapevoli di tale rischio dovrebbero negoziare nei mercati finanziari. Operando in un’ottica di business online, Qualebroker.com potrebbe essere remunerato da terze parti inserzioniste. Tale remunerazione non va interpretata come un’approvazione o una raccomandazione da parte di Qualebroker.com, né influenzerà in alcun modo le nostre recensioni, analisi e opinioni. Per maggiori informazioni si prega di consultare il nostro disclaimer. 
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito alla negoziazione dei CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.
‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍