fbpx

I migliori broker italiani

Alfredo de Cristofaro   09 maggio 2022

dicembre
Autore della recensione
Alfredo de Cristofaro Autore
Alfredo de Cristofaro
Co Founder

Laureato in Economia e Finanza, dopo aver lavorato a lungo presso uno dei principali broker finanziari in Europa, ha deciso di mettere a disposizione degli investitori le conoscenze maturate nel corso degli anni. Su QualeBroker.com si occupa di recensire i broker, assicurandosi che vengano garantiti i più alti standard di sicurezza e trasparenza.

Sono diversi gli elementi che un investitore deve tenere in considerazione nella scelta del broker con cui svolgere attività di trading online.

Alcuni broker si distinguono per una piattaforma di trading semplice e intuitiva, altri per una struttura di costi e commissioni particolarmente competitiva o per una vasta offerta di prodotti finanziari disponibili alla negoziazione. Qualcuno di essi, infine, riesce a costruire il proprio vantaggio competitivo su un elemento di assoluta innovazione (è il caso di eToro, pioniere del Social Trading).

Al netto di tutto questo, scegliere con quale broker investire i propri capitali rimane una decisione soggettiva, basata sulle priorità definite da ciascun trader.

In questa recensione, ci concentreremo su uno dei tanti fattori da considerare nell’analisi dei broker presenti sul mercato: la fiscalità. In particolare, analizzeremo i migliori broker italiani con la premessa che, avendo sede nel nostro Paese, possono operare in regime amministrato e agiscono, pertanto, da sostituto d’imposta.

Nota: l’unico vantaggio davvero incontestabile nell’investire con un broker italiano è, appunto, il regime fiscale in cui opera. Altri broker esteri potrebbero risultare più interessanti per offerta di prodotti e Borse, piattaforma di trading, leva finanziaria, commissioni e costi, ecc.

Regime amministrato vs Regime dichiarativo

Prima di analizzare i migliori broker italiani, è bene spiegare nel dettaglio la differenza tra regime amministrato e regime dichiarativo, in modo da comprendere perché la gestione fiscale è un elemento che l’investitore non deve sottovalutare.

Con il regime del risparmio amministrato, l’utente che svolge attività di trading online con una banca o un broker ha la possibilità affidare la gestione totale della fiscalità all’intermediario finanziario con cui opera.
L’intermediario, come detto, agirà pertanto da sostituto d’imposta. La banca o il broker avrà dunque l’onere di effettuare il calcolo, la dichiarazione e il versamento delle imposte previste per i profitti generati dal cliente tramite le sue attività di trading.

Con il regime dichiarativo, invece, spetta all’investitore stesso l’incombenza di occuparsi del pagamento delle imposte derivanti dagli investimenti con il trading online.

Sarà lui a dover effettuare tutti i calcoli del caso, a meno che non decida (saggiamente, al fine di ridurre il margine di errore nonché conseguenti pagamenti di penali) di affidarsi a un commercialista.

In linea generale, dunque, il regime amministrato sembra risultare più conveniente rispetto a quello dichiarativo, in quanto permette all’investitore di godere di una certa tranquillità rispetto a obblighi e responsabilità legate al pagamento delle imposte.

Nonostante ciò, il regime dichiarativo porta con sé diversi vantaggi economici.
Ne citiamo alcuni:

  • Nella maggior parte dei casi, i broker che operano in regime dichiarativo presentano commissioni di trading inferiori rispetto a quelle proposte dai broker che operano in regime amministrato
  • I broker esteri presentano spesso un’offerta di prodotti finanziari più vasta rispetto a quelli di casa nostra
  • Con il regime amministrato, i profitti vengono tassati subito (dal broker sostituto d’imposta); con il regime dichiarativo, invece, le tasse si pagano entro l’anno successivo. In questo caso, pertanto, il trader potrà godere di una maggiore liquidità di breve periodo (e dunque di più leva finanziaria disponibile).
  • Spesso i broker esteri forniscono un fac-simile della modulistica fiscale pre-compilata, in modo da agevolare notevolmente l’adempimento degli obblighi fiscali in capo al cliente. Questa è una soluzione fin qui molto apprezzata dai clienti di DEGIRO, iBroker e Trade Republic

Al netto di tutto questo, se la priorità dell’utente è quella di evitare l’ansia legata all’espletamento delle obbligazioni fiscali, il regime amministrato rimarrà la scelta migliore.

Per un ulteriore approfondimento su regime amministrato e dichiarativo, vi invitiamo a consultare la guida su trading online e fiscalità realizzata da QualeBroker.com

I migliori broker italiani

Passiamo dunque all’analisi dei migliori broker italiani, proposti per quei trader che ricercano prima di tutto un broker che si occupi al posto loro del pagamento delle imposte sui profitti generati.
Ne abbiamo selezionati quattro:

  • Fineco Bank
  • ActivTrades
  • Banca Sella
  • Directa

La metodologia usata

Tra tutti gli intermediari sostituti d’imposta, abbiamo selezionato questi quattro perché sono quelli che hanno ottenuto i punteggi più alti per le seguenti categorie:

  • Sicurezza
  • Commissioni e costi
  • Piattaforme di trading e app mobile
  • Opportunità di trading
  • Assistenza Clienti
  • Didattica e formazione

Di seguito, vi proponiamo una breve analisi dei broker selezionati, con informazioni sui servizi proposti e le caratteristiche principali.

1

FINECO

4.8/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: DMA / Market Maker

Conto DEMO:

Deposito minimo: € 0,01

Ideale per: fare trading su azioni, ETF e derivati, sia italiani che esteri.

→ Recensione ufficiale FINECO

Fineco Bank è una delle principali banche presenti nel mercato italiano, un istituto di credito che vanta oltre 1,4 milioni di clienti e quasi 8 miliardi di euro di raccolta netta (dati aggiornati al 30 settembre 2021). Questi numeri rendono Fineco una delle realtà bancarie più solide e affidabili d’Italia.

Con oltre 5 miliardi di euro di capitalizzazione, Fineco è quotata all’indice FTSE MIB di Borsa Italiana (ticker: FBK). Dato che è una banca, aderisce al sistema di garanzia dei depositi bancari, sistema che prevede una copertura in caso di fallimento dell’intermediario fino a € 100.000.

Con la duplice funzione di istituto di credito e di prestatore di servizi di trading online, Fineco Bank rappresenta un’ottima alternativa per quei trader che vogliono godere di servizi bancari e di investimento in un’unica soluzione (ovvero un unico conto). Fineco, infatti, offre sia i classici servizi bancari quali carte di credito e di debito, conto corrente, finanziamenti, etc. ma anche, ovviamente, una piattaforma di trading online proprietaria chiamata “PowerDesk”. Su PowerDesk è possibile investire in azioni quotate su un totale di 26 Borse, nonché in CFD su indici, azioni e Forex (sul Forex, Fineco permette di investire tramite leva finanziaria).

Purtroppo, la struttura dei costi attualmente presentata da Fineco non rende la banca particolarmente attrattiva per quei trader con modeste somme di capitale e che operano con volumi non particolarmente elevati. Per questi tipi di investitori, infatti, la commissione di negoziazione sarà di € 19.

Dall’altro lato, una soluzione interessante per i piccoli investitori, messa a disposizione da Fineco, è il Piano Reply, ovvero un un piano di accumulo del capitale con importi fissi ridotti rispetto alle normali tariffe previste per gli altri tipi di investimento.

Per ultimo, è bene menzionare il costo mensile previsto per l’utilizzo della piattaforma proprietaria PowerDesk: €19,95. Molti, ma è anche vero che la PowerDesk è una delle migliori piattaforme di trading online presenti sul mercato, un’ottima soluzione sia per i trader esperti che per i neofiti.

Ottimi i materiali didattici disponibili sul sito web della banca, molto utili per quei trader che si avvicinano per la prima volta al mondo degli investimenti online.

Menzione negativa, invece, per il Servizio Clienti, che non presenta elevata rapidità né qualità dell’assistenza.

1

Fineco

4.8/5

 

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: DMA / Market Maker

Conto demo

Deposito minimo: € 0,01

Ideale per: fare trading su azioni, ETF e derivati, sia italiani che esteri.

→ Recensione FINECO

fare trading su azioni, ETF e derivati, sia italiani che esteri

Fineco Bank è una delle principali banche presenti nel mercato italiano, un istituto di credito che vanta oltre 1,4 milioni di clienti e quasi 8 miliardi di euro di raccolta netta (dati aggiornati al 30 settembre 2021). Questi numeri rendono Fineco una delle realtà bancarie più solide e affidabili d’Italia.

Con oltre 5 miliardi di euro di capitalizzazione, Fineco è quotata all’indice FTSE MIB di Borsa Italiana (ticker: FBK). Dato che è una banca, aderisce al sistema di garanzia dei depositi bancari, sistema che prevede una copertura in caso di fallimento dell’intermediario fino a € 100.000.

Con la duplice funzione di istituto di credito e di prestatore di servizi di trading online, Fineco Bank rappresenta un’ottima alternativa per quei trader che vogliono godere di servizi bancari e di investimento in un’unica soluzione (ovvero un unico conto). Fineco, infatti, offre sia i classici servizi bancari quali carte di credito e di debito, conto corrente, finanziamenti, etc. ma anche, ovviamente, una piattaforma di trading online proprietaria chiamata “PowerDesk”. Su PowerDesk è possibile investire in azioni quotate su un totale di 26 Borse, nonché in CFD su indici, azioni e Forex (sul Forex, Fineco permette di investire tramite leva finanziaria).

Purtroppo, la struttura dei costi attualmente presentata da Fineco non rende la banca particolarmente attrattiva per quei trader con modeste somme di capitale e che operano con volumi non particolarmente elevati. Per questi tipi di investitori, infatti, la commissione di negoziazione sarà di € 19.

Dall’altro lato, una soluzione interessante per i piccoli investitori, messa a disposizione da Fineco, è il Piano Reply, ovvero un un piano di accumulo del capitale con importi fissi ridotti rispetto alle normali tariffe previste per gli altri tipi di investimento.

Per ultimo, è bene menzionare il costo mensile previsto per l’utilizzo della piattaforma proprietaria PowerDesk: €19,95. Molti, ma è anche vero che la PowerDesk è una delle migliori piattaforme di trading online presenti sul mercato, un’ottima soluzione sia per i trader esperti che per i neofiti.

Ottimi i materiali didattici disponibili sul sito web della banca, molto utili per quei trader che si avvicinano per la prima volta al mondo degli investimenti online.

Menzione negativa, invece, per il Servizio Clienti, che non presenta elevata rapidità né qualità dell’assistenza.

2

ActivTrades

4.5/5

activtrades

Prova ActivTrades →

Il 66% dei conti CFD privati perde denaro.

Informazioni principali

Paese: Regno Unito

Tipo di intermediario: Market Maker

Conto DEMO:

Deposito minimo: € 500

Ideale per: operare sui CFD con un broker che agisce in Italia da sostituto d'imposta.

→ Recensione ActivTrades

operare sui CFD con un broker che agisce in Italia da sostituto d'imposta

Al secondo posto troviamo ActivTrades, un pioniere internazionale del trading online.
Con sede centrale a Londra, grazie all’ufficio italiano nel centro di Milano e l’iscrizione regolare alla Consob, ActivTrades può operare nel mercato italiano da sostituto d’imposta.
Con ActivTrades è possibile fare trading, esclusivamente tramite i CFD, sul mercato Forex (oltre 50 coppie valutarie negoziabili), indici (incluso il FTSE MIB), materie prime (12 commodities disponibili), azioni (oltre 500 titoli azionari quotati nelle Borse europee e americane) nonché sui principali ETF globali.
ActivTrades propone un’unica struttura commissionale per tutti i clienti, comprendente dunque anche i medesimi tassi swap e spread.
Ad eccezione dei CFD su azioni, il broker con sede a Milano non applica commissioni sulle transazioni, il cui costo viene caricato esclusivamente sullo spread bid-ask.
Ottima l’offerta di piattaforme di trading: da ActivTrader, piattaforma web pratica e intuitiva, a MT4 e MT5, piattaforme desktop pensate per trader più avanzati, che ricercano strumenti più complessi per l’analisi e il trading automatico. Infine, sottolineiamo che tutte e tre le piattaforme sono disponibili su app mobile per fare trading direttamente via smartphone.
ActivTrades risulta molto attivo nel campo della formazione: il broker offre ai propri clienti contenuti gratuiti quali webinar, video tutorial, sessioni di live trading con trader professionisti, seminari, etc.
Concludiamo con una nota positiva sul servizio clienti del broker, che si presenta molto puntuale ed efficiente. E’ possibile contattare l’assistenza tramite live chat, email e telefono. Inoltre, è disponibile una sezione delle FAQ con domande frequenti su diverse aree tematiche, dall’apertura di un conto ai metodi di pagamento. Infine, gli utenti possono accedere anche a un Glossario che raccoglie i vocaboli più utilizzati con ActivTrades.

2

ActivTrades

4,8/5

activtrades


Apri un conto

Il 66% dei conti CFD privati perde denaro.

Informazioni principali

Paese: Regno Unito

Tipo di intermediario: Market Maker

Conto DEMO:

Deposito minimo: €500

Ideale per: operare sui CFD con un broker che agisce in Italia da sostituto d'imposta.

» Recensione ActivTrades

Al secondo posto troviamo ActivTrades, un pioniere internazionale del trading online.
Con sede centrale a Londra, grazie all’ufficio italiano nel centro di Milano e l’iscrizione regolare alla Consob, ActivTrades può operare nel mercato italiano da sostituto d’imposta.
Con ActivTrades è possibile fare trading, esclusivamente tramite i CFD, sul mercato Forex (oltre 50 coppie valutarie negoziabili), indici (incluso il FTSE MIB), materie prime (12 commodities disponibili), azioni (oltre 500 titoli azionari quotati nelle Borse europee e americane) nonché sui principali ETF globali.
ActivTrades propone un’unica struttura commissionale per tutti i clienti, comprendente dunque anche i medesimi tassi swap e spread.
Ad eccezione dei CFD su azioni, il broker con sede a Milano non applica commissioni sulle transazioni, il cui costo viene caricato esclusivamente sullo spread bid-ask.
Ottima l’offerta di piattaforme di trading: da ActivTrader, piattaforma web pratica e intuitiva, a MT4 e MT5, piattaforme desktop pensate per trader più avanzati, che ricercano strumenti più complessi per l’analisi e il trading automatico. Infine, sottolineiamo che tutte e tre le piattaforme sono disponibili su app mobile per fare trading direttamente via smartphone.
ActivTrades risulta molto attivo nel campo della formazione: il broker offre ai propri clienti contenuti gratuiti quali webinar, video tutorial, sessioni di live trading con trader professionisti, seminari, etc.
Concludiamo con una nota positiva sul servizio clienti del broker, che si presenta molto puntuale ed efficiente. E’ possibile contattare l’assistenza tramite live chat, email e telefono. Inoltre, è disponibile una sezione delle FAQ con domande frequenti su diverse aree tematiche, dall’apertura di un conto ai metodi di pagamento. Infine, gli utenti possono accedere anche a un Glossario che raccoglie i vocaboli più utilizzati con ActivTrades.

*Il 66% dei conti privati perde denaro

3

Sella

4.8/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario:

Conto DEMO:

Deposito minimo:

Ideale per: l'investitore che vuole investire tramite una banca italiana sostituta d'imposta, con accesso diretto ai principali mercati italiani e globali.

» Recensione Sella

 

Continuiamo la nostra recensione con un altro istituto italiano. Con sede legale a Biella, in Piemonte, Banca Sella opera come broker DMA (Direct Market Access, ovvero quei broker che permettono agli investitori di inviare ordini direttamente nel book della Borsa, garantendo dunque un accesso diretto ai mercati). Sulla piattaforma della banca piemontese, il trader può accedere a oltre 25.000 titoli tra azioni, opzioni, futures, indici ed ETF disponibili alla negoziazione.

Banca Sella, dunque, dispone di un ampio portafoglio di strumenti finanziari su cui è possibile investire, ad eccezione dei CFD.

Così come Fineco Bank, anche Banca Sella, essendo un istituto bancario, aderisce al sistema di garanzia dei depositi bancari con una copertura in caso di fallimento dell’intermediario fino a € 100.000.

Tutti i conti a disposizione dei trader hanno un canone pari a € 0 per il primo semestre, mentre per i periodi successivi il canone varia in base alla tipologia di conto scelto dal trader. Si può iniziare a fare trader con i conti Start e Premium (associandoli al deposito titoli) oppure con il conto Trading specificatamente rivolto ai trader.

Per quanto concerne la struttura delle commissioni, anche queste dipendono dal tipo di conto scelto, ovvero:

  • Conto Trading: il più conveniente, in quanto prevede una struttura commissionale flessibile, per i costi sono inversamente proporzionali al numero di operazioni effettuate, ovvero: più investi, meno paghi di commissioni
  • Conto Start e Premium: struttura commissionale più rigida. Per esempio, è prevista una commissione su azioni italiane pari allo 0,19% (min. €3,00; max. €19,95)

Inoltre, Banca Sella applica dei costi anche per l’accredito dei dividendi esteri.

Infine, uno sguardo sui costi di piattaforma: la banca mette a disposizione SellaXTrading (sempre gratuita), pensata per i “soft trader”,  e SellaExtreme, quest’ultima a un canone mensile pari a 20 euro (che può essere portato a zero con almeno 15 trades effettuati) è più adatta ai trader che effettuano molteplici scambi al mese.

Banca Sella mette a disposizione degli utenti del materiale didattico, costituito da corsi di formazione, webinar ed eventi, ottimo sia per i neofiti che per i trader più esperti.

Giudizio positivo sul servizio clienti della banca: si mostra rapido, efficiente e professionale, con numerosi canali di comunicazione a disposizione dei clienti per ricevere informazioni e assistenza.

3

Sella

4.8/5

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: Banca e broker online DMA

Conto DEMO:

Deposito minimo:

Ideale per: l'investitore che vuole investire tramite una banca italiana sostituta d'imposta, con accesso diretto ai principali mercati italiani e globali..

» Recensione Sella

Continuiamo la nostra recensione con un altro istituto italiano. Con sede legale a Biella, in Piemonte, Banca Sella opera come broker DMA (Direct Market Access, ovvero quei broker che permettono agli investitori di inviare ordini direttamente nel book della Borsa, garantendo dunque un accesso diretto ai mercati). Sulla piattaforma della banca piemontese, il trader può accedere a oltre 25.000 titoli tra azioni, opzioni, futures, indici ed ETF disponibili alla negoziazione.

Banca Sella, dunque, dispone di un ampio portafoglio di strumenti finanziari su cui è possibile investire, ad eccezione dei CFD.

Così come Fineco Bank, anche Banca Sella, essendo un istituto bancario, aderisce al sistema di garanzia dei depositi bancari con una copertura in caso di fallimento dell’intermediario fino a € 100.000.

Tutti i conti a disposizione dei trader hanno un canone pari a € 0 per il primo semestre, mentre per i periodi successivi il canone varia in base alla tipologia di conto scelto dal trader. Si può iniziare a fare trader con i conti Start e Premium (associandoli al deposito titoli) oppure con il conto Trading specificatamente rivolto ai trader.

Per quanto concerne la struttura delle commissioni, anche queste dipendono dal tipo di conto scelto, ovvero:

  • Conto Trading: il più conveniente, in quanto prevede una struttura commissionale flessibile, per i costi sono inversamente proporzionali al numero di operazioni effettuate, ovvero: più investi, meno paghi di commissioni
  • Conto Start e Premium: struttura commissionale più rigida. Per esempio, è prevista una commissione su azioni italiane pari allo 0,19% (min. €3,00; max. €19,95)

Inoltre, Banca Sella applica dei costi anche per l’accredito dei dividendi esteri.

Infine, uno sguardo sui costi di piattaforma: la banca mette a disposizione SellaXTrading (sempre gratuita), pensata per i “soft trader”,  e SellaExtreme, quest’ultima a un canone mensile pari a 20 euro (che può essere portato a zero con almeno 15 trades effettuati) è più adatta ai trader che effettuano molteplici scambi al mese.

Banca Sella mette a disposizione degli utenti del materiale didattico, costituito da corsi di formazione, webinar ed eventi, ottimo sia per i neofiti che per i trader più esperti.

Giudizio positivo sul servizio clienti della banca: si mostra rapido, efficiente e professionale, con numerosi canali di comunicazione a disposizione dei clienti per ricevere informazioni e assistenza.

4

Directa

4.1/5

directa

Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: 

Conto DEMO

Deposito minimo: 

Ideale per: chi vuole investire su ETF di Borsa Italiana per piccoli importi (fino a € 1.000 ad operazione) o per grandi importi (oltre € 8.000 ad operazione).

→ Recensione ufficiale DIRECTA

Concludiamo con Directa Sim, un broker italiano con sede a Torino.

Broker DMA, Directa è da oltre 20 anni presente nel mercato del trading online.
I clienti Directa possono negoziare azioni, ETF, fondi derivati, etc. su 32 differenti mercati.

Dato che Directa è un broker, lo schema di garanzia sui depositi europeo prevede un indennizzo che arriva fino a € 20.000 (e non € 100.000, come nel caso previsto per le banche) nell’eventualità in cui il broker sia impossibilitato a restituirli ai clienti.

Le commissioni previste dal broker torinese per i mercati italiani sono tra le più convenienti del mercato. Il trader può scegliere tra un profilo commissionale fisso, variabile e degressivo. Meno conveniente, invece, la struttura commissionale prevista per i mercati europei e americani.

Directa dispone di due piattaforme proprietarie, entrambe disponibili in modalità demo: la dLite e la Darwin2. La prima è pensata per gli investitori neofiti o comunque per i trader che cercano una piattaforma semplice e intuitiva. La seconda, invece, è indirizzata ai trader caratterizzati da elevata operatività.

Directa mette a disposizione dei clienti un ricco materiale didattico, composto da corsi, video tutorial e webinar. Il broker torinese, inoltre, è attivo nell'organizzazione di eventi live e incontri di formazione finanziaria sul trading online.

Concludiamo con il Servizio Clienti, che giudichiamo rapido e professionale. Unica pecca l’assenza di assistenza via chat, la quale allunga i tempi di attesa.

4

Directa

4.1/5

 

directa


Informazioni principali

Paese: Italia

Tipo di intermediario: 

Conto DEMO

Deposito minimo:

Ideale per: chi vuole investire su ETF di Borsa Italiana per piccoli importi (fino a € 1.000 ad operazione) o per grandi importi (oltre € 8.000 ad operazione).

→ Recensione DIRECTA

Concludiamo con Directa Sim, un broker italiano con sede a Torino.

Broker DMA, Directa è da oltre 20 anni presente nel mercato del trading online.
I clienti Directa possono negoziare azioni, ETF, fondi derivati, etc. su 32 differenti mercati.

Dato che Directa è un broker, lo schema di garanzia sui depositi europeo prevede un indennizzo che arriva fino a € 20.000 (e non € 100.000, come nel caso previsto per le banche) nell’eventualità in cui il broker sia impossibilitato a restituirli ai clienti.

Le commissioni previste dal broker torinese per i mercati italiani sono tra le più convenienti del mercato. Il trader può scegliere tra un profilo commissionale fisso, variabile e degressivo. Meno conveniente, invece, la struttura commissionale prevista per i mercati europei e americani.

Directa dispone di due piattaforme proprietarie, entrambe disponibili in modalità demo: la dLite e la Darwin2. La prima è pensata per gli investitori neofiti o comunque per i trader che cercano una piattaforma semplice e intuitiva. La seconda, invece, è indirizzata ai trader caratterizzati da elevata operatività.

Directa mette a disposizione dei clienti un ricco materiale didattico, composto da corsi, video tutorial e webinar. Il broker torinese, inoltre, è attivo nell'organizzazione di eventi live e incontri di formazione finanziaria sul trading online.

Concludiamo con il Servizio Clienti, che giudichiamo rapido e professionale. Unica pecca l’assenza di assistenza via chat, la quale allunga i tempi di attesa.

Sei rimasto con qualche dubbio?

Abbiamo speso centinaia di ore testando a fondo tutti i broker recensiti sul nostro portale. Se hai dei dubbi circa un broker, oppure semplicemente hai bisogno di informazioni aggiuntive che non hai trovato all'interno delle recensioni, mandaci un messaggio oppure contattaci attraverso la nostra pagina Facebook. Saremo felici di risponderti e di aiutarti in maniera del tutto gratuita.

Informativa sul rischio: investire comporta rischi di perdita

Disclaimer: La mission principale di Qualebroker.com è di fornire recensioni, comparazioni, opinioni e analisi obiettive e imparziali. Qualebroker.com non fornisce nessun tipo di consulenza né di sollecitazione agli investimenti. La compravendita di strumenti finanziari rappresenta un elevato livello di rischio in cui si può potenzialmente perdere tutto il capitale investito. Solo coloro i quali sono consapevoli di tale rischio dovrebbero negoziare nei mercati finanziari. Operando in un’ottica di business online, Qualebroker.com potrebbe essere remunerato da terze parti inserzioniste. Tale remunerazione non va interpretata come un’approvazione o una raccomandazione da parte di Qualebroker.com, né influenzerà in alcun modo le nostre recensioni, analisi e opinioni. Per maggiori informazioni si prega di consultare il nostro disclaimer. 
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito alla negoziazione dei CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.
‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍