fbpx

Pepperstone - Recensione ufficiale e opinioni 2020

4.7 su 5

Co-Founder

Laureato in economia degli intermediari finanziari, dopo aver lavorato a lungo presso uno dei principali broker finanziari in Europa, ha deciso di mettere a disposizione degli investitori le conoscenze maturate nel corso degli anni. Su QualeBroker.com si occupa di recensire i broker, assicurandosi che vengano garantiti i più alti standard di sicurezza e trasparenza.

Laureato in economia degli intermediari finanziari, dopo aver lavorato a lungo presso uno dei principali broker finanziari in Europa, ha deciso di mettere a disposizione degli investitori le conoscenze maturate nel corso degli anni. Su QualeBroker.com si occupa di recensire i broker, assicurandosi che vengano garantiti i più alti standard di sicurezza e trasparenza.

 
 Pro:   Contro:
Apertura del conto rapida e semplice.     Numero moderato di asset negoziabili.
Spread e commissioni più basse della media.     CFD su azioni italiane ed europee non disponibili.
Nessun deposito minimo.     Broker non adatto per gli investimenti a lungo termine.
Nessun costo di inattività o costi nascosti.     Leva massima disponibile 1:30 per via dei limiti ESMA.

 

Pro:

Apertura del conto rapida e semplice.
Spread e commissioni più basse della media.
Nessun deposito minimo.
Nessun costo di inattività o costi nascosti.

Contro:

Numero moderato di asset negoziabili.
CFD su azioni italiane ed europee non disponibili.
Broker non adatto per gli investimenti a lungo termine.
Leva massima disponibile 1:30 per via dei limiti ESMA.

"Il 73,6% di investitori privati incorre in perdite quando investe in CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti l’elevato rischio di perdere denaro."

Recensioni e opinioni sul broker online Pepperstone

Pepperstone trading opinioni. Pepperstone è un broker australiano fondato nel 2010, specializzato nel trading sul Forex e sui CFD. La sua presenza globale e il suo elevato numero di clienti lo rendono uno dei principali broker nel panorama del trading online.

Pepperstone offre i suoi servizi di trading agli investitori europei attraverso una succursale con sede nel Regno Unito. In questa recensione ci siamo occupati di analizzare il conto di trading Pepperstone e i servizi offerti, prestando particolare attenzione ai costi, alla sicurezza e alle piattaforme.

Scegliere Pepperstone come broker per fare trading sul Forex e sui CFD può essere la scelta giusta?

Giudizio finale: 93/100

Come assegniamo i punteggi?

» Scopri la nostra metodologia

Sicurezza: 92/100
Commissioni e costi: 95/100
Prodotti e borse: 71/100
Piattaforme e Ricerca: 94/100
Trading da mobile: 89/100
Facilità d'uso: 90/100
Gestione fiscale: 70/100
Servizio clienti: 96/100
Formazione: 67/100
Servizi bancari: 25/100

Sicurezza

Pepperstone Group Limited è una società di investimento australiana con licenza n. 414530 rilasciata dall’Australian Securities and Investment Commission (ASIC). In Europa opera attraverso la succursale Pepperstone Limited UK con sede nel Regno Unito, dove possiede un’ulteriore licenza (n. 684312) rilasciata dalla Financial Conduct Authority (FCA).

Pepperstone è dunque autorizzata e supervisionata da due tra gli enti più rigidi a livello mondiale: ASIC e FCA. Per i traders italiani l’apertura di un conto Pepperstone avviene tramite la succursale del Regno Unito. Ciò implica che per i clienti italiani verranno adottate le normative europee in materia di investimenti. Tra le misure legislative europee più importanti a tutela dell’investitore abbiamo:

  • Lo schema di garanzia sui depositi europeo. Si tratta di una vera e propria assicurazione sul conto di trading che nel caso dei broker del Regno Unito (e quindi di Pepperstone Limited UK) copre fino a £85.000 (circa €95.000) per cliente. Questa è una cifra molto elevata se consideriamo che per i broker ciprioti o italiani lo schema di garanzia copre fino a €20.000.
  • La segregazione dei fondi. Secondo tale principio, i fondi dei clienti devono essere mantenuti separati da quelli del broker. Nell’improbabile ipotesi di fallimento del broker, nessun creditore del broker potrebbe provare a rivalersi sui fondi depositati dai clienti. Nel caso di Pepperstone, i fondi dei clienti vengono segregati presso conti Barclays nel Regno Unito.
  • La protezione del bilancio negativo. Grazie a tale requisito legislativo, nessun cliente può generare sul proprio conto una perdita superiore al suo saldo di cassa (ossia a quanto ha depositato sul conto). Anche in caso di eventi sfavorevoli per il trader, il broker ha l’obbligo di mettere in atto una serie di misure che evitino il generarsi di perdite superiori alle disponibilità sul conto.

Tipi di conto

L’apertura di un conto avviene in 10 minuti dal sito web di Pepperstone. Il sito web è decisamente ben curato e ciò semplifica il processo di registrazione.

La procedura di apertura del conto consta dei seguenti passaggi:

  1. Inserimento dei propri dati anagrafici nel modulo online
  2. Completamento del questionario sull’appropriatezza (per verificare se siamo in possesso dei requisiti minimi per poter fare trading online)
  3. Caricamento di un documento d’identità e di una prova di residenza non più vecchia di 3 mesi

 

Quanti tipi di conto esistono?

Durante la registrazione si dovrà anche decidere il tipo di conto da aprire. Pepperstone permette di scegliere tra due tipi di conto:

  • Conto Razor: un conto che prevede una commissione fissa a partire da $2,60 per eseguito più uno spread ridotto.
  • Conto Standard: che non prevede commissioni ma solo l’applicazione di uno spread maggiorato di 1 pip.

» In quali valute si può aprire il conto?

Si può aprire il conto in 4 differenti valute:

  • sterline (GBP)
  • euro (EUR)
  • dollari americani (USD)
  • franchi svizzeri (CHF)

Se decidi di aprire il conto in una valuta, ipotizziamo in euro, ed effettui un deposito in un’altra valuta (ad esempio dollari), il broker ti convertirà e accrediterà tali dollari in euro, addebitandoti in aggiunta un costo di conversione. È importante dunque che i fondi depositati siano della stessa valuta di denominazione del conto Pepperstone.

» Quanti tipi di conto esistono?

Durante la registrazione si dovrà anche decidere il tipo di conto da aprire. Pepperstone permette di scegliere tra due tipi di conto:

  • Conto Razor: un conto che prevede una commissione fissa a partire da $2,60 per eseguito più uno spread ridotto.
  • Conto Standard: che non prevede commissioni ma solo l’applicazione di uno spread maggiorato di 1 pip.

» È disponibile un conto demo?

Si. Ancor prima di aprire un conto reale, Pepperstone offre la possibilità di attivare rapidamente un conto demo, così da accedere ad una delle tre piattaforme messe a disposizione del broker. Nel conto demo si potrà disporre di €50.000 di denaro virtuale, in modo tale da poter simulare vere e proprie operazioni di trading.

Il conto demo decade dopo 30 giorni dalla sua attivazione. Contattando l’help desk oppure il proprio account manager si può richiedere la modifica sia della valuta di base sia dell’importo del denaro virtuale del conto demo.

» Depositi/prelievi

I metodi di pagamento accettati da Pepperstone sono:

  • Carta di debito/credito Visa o MasterCard
  • Bonifico Bancario

I trasferimenti di denaro tramite bonifico bancario possono impiegare fino a 3-4 giorni per essere accreditati, mentre quelli tramite carta di credito sono istantanei.

Qual è il deposito minimo per aprire un conto con Pepperstone?

La risposta a questa domanda è no. Sia in fase di apertura che in qualunque momento successivo all’attivazione del conto, Pepperstone non richiede importi minimi per alimentare il proprio conto. Questo è un punto a favore di Pepperstone se consideriamo che in media gli altri broker Forex/CFD impongono un deposito minimo a partire da almeno 200 euro/dollari. Sarebbe comunque consigliabile però provvedere ad un deposito consono per l’attività di trading.

Prodotti e Borse

Su quali asset finanziari si può fare trading con Pepperstone? Il broker permette di negoziare cinque asset, esclusivamente tramite i CFD. Questi sono:

  • Forex: Più di 61 coppie valutarie negoziabili, suddivise in principali, minori ed esotiche. La leva massima concessa è 1:30.
  • Indici: 14 tra i principali indici mondiali, tra cui il FTSE MIB italiano, il DAX, il NASDAQ e S&P. La leva massima concessa è 1:20.
  • Azioni: circa 60 azioni USA negoziabili soltanto tramite la MetaTrader5. Le azioni europee e italiane non sono presenti. La leva massima concessa è 1:5.
  • Materie prime: disponibili le principali commodity tra cui i metalli preziosi, i prodotti energetici e le soft commodity. La leva massima concessa è 1:30.
  • Criptovalute: si può fare trading su Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Dash e Litecoin. La leva massima concessa è 1:5.

Segnaliamo la possibilità con Pepperstone di negoziare microlotti (0,01). Grazie ai microlotti è consentito fare trading anche con capitali ridotti (per aprire un microlotto sul cross valutario EUR/USD ad esempio sarà sufficiente disporre di un margine di circa 330 euro). Il broker consente inoltre di operare sia in scalping che in hedging.

Commissioni e costi

Abbiamo analizzato a fondo sia la struttura commissionale che quella dei costi di Pepperstone, giungendo alla conclusione che questo broker offre condizioni economiche particolarmente vantaggiose ai suoi clienti, soprattutto se confrontate con quelle degli altri principali broker CFD.

Nella scelta di un broker, il trader deve prestare particolare attenzione sia ai costi per le operazioni di trading che ai costi di tenuta del conto.

Per le operazioni di trading, il day trader e lo scalper dovranno rivolgere le loro attenzioni sulle commissioni e sullo spread applicate dal broker.

Il trader che invece mantiene le posizioni overnight dovrà considerare - oltre a commissioni e spread - anche i tassi swap.

Come già detto nella sezione sui tipi di conto, Pepperstone permette di scegliere tra un conto con spread stretti ma con una commissione di ingresso/uscita (conto Razor) e un conto con spread più larghi ma senza commissioni (conto Standard).

Se consideriamo il conto Standard, lo spread medio rilevato sulla coppia valutaria EUR/USD è pari a 1,13 pips. Sulla coppia valutaria EUR/GBP è invece pari a 1,41 pips. Questi spread sono più bassi della media del settore e mostrano come Pepperstone sia particolarmente competitiva sul lato commissionale.

Il conto Razor ha costi delle commissioni diverse a seconda che si utilizzi la piattaforma MT4/MT5 oppure la cTrader. Utilizzando la MT4 o la MT5 la commissione per 1 lotto è pari a $3,76 o €2,61 a seconda della valuta del conto di trading. Con la cTrader invece la commissione è pari a 7 unità della prima valuta della coppia su cui si fa trading (ad esempio sulla coppia EUR/USD la commissione sarà 7 euro).

Se si fa trading sui CFD azionari non vale quanto detto sopra. Pepperstone applica una commissione fissa pari a $0,02 per ogni azione negoziata, sia in fase di acquisto che di vendita.

Per quanto riguarda i tassi swap invece, Pepperstone applica i tassi tom next, procurati da una banca d’investimento globale di primo livello. Gli swap adottati da Pepperstone sono dunque in linea di mercato con gli altri broker. È bene ricordare che se per le posizioni short il tasso swap è favorevole al trader, per le posizioni long lo swap è negativo e rappresenta un costo di cui tenere conto per il trading overnight.

Quali sono invece i costi per la tenuta del conto Pepperstone? Ricordiamo che l’apertura e la chiusura del conto sono gratuiti.

Non sono previsti costi di inattività sul conto (al contrario di molti broker CFD che addebitano costi sui conti dormienti).

I prelievi e i depositi di denaro sono anch’essi gratuiti. Utilizzando quindi le carte di credito oppure il bonifico, nessun costo verrà addebitato e non ci sarà alcun tipo di limite.

Alla luce di quanto illustrato, Pepperstone offre un conto a zero spese e senza costi nascosti. La struttura commissionale è altrettanto conveniente. Nel complesso dunque Pepperstone è uno dei broker più convenienti con cui fare trading in maniera trasparente.

Piattaforma di trading

Pepperstone permette di fare trading attraverso 3 piattaforme di trading. Si tratta di piattaforme sviluppate da software house di terze parti e sono la cTrader, MetaTrader 4 e MetaTrader5.

A nostro avviso, delle tre piattaforme la più performante è la cTrader ed è proprio questa che abbiamo testato in questa recensione.

» La cTrader

La cTrader è la piattaforma di trading sviluppata in-house da Spotware. Esiste sia in versione web che in versione desktop. È stata concepita anche sotto forma di app per sistemi operativi iOS e Android.

La discriminante nella scelta della versione web oppure in quella desktop risiede essenzialmente nel fatto che la versione desktop è la versione più completa ed è altamente personalizzabile. La versione web è una versione snella e poco personalizzabile, ma ha il vantaggio di essere lanciata da un qualsiasi browser, senza dover essere installata sul computer.

Sia da web che da dekstop, la cTrader permette di svolgere le seguenti attività:

  • Fare trading manuale
  • Fare trading automatico

La cTrader si presenta come una piattaforma completa e allo stesso tempo intuitiva. Sebbene siano presenti molti tools e funzionalità, dopo poche sessioni già si acquisisce una certa padronanza con essa. Dal nostro punto di vista la cTrader ha una grafica di gran lunga migliore della MT4 e MT5 e in più è sicuramente più user-friendly.

versione desktop

versione web

Nella parte in alto a sinistra si trova la Watchlist, dove è possibile creare una propria lista di strumenti preferiti.

Come linguaggio della piattaforma si può impostare l’italiano oppure altri 20 linguaggi.

Nella parte centrale troviamo l’area per i grafici. Su ogni grafico possiamo applicare gli indicatori o gli strumenti geometrici, oltre che impostare un timeframe da 1 minuto fino a 1 mese. Cliccando col tasto destro sul grafico e scegliendo Crea nuovo ordine si potrà aprire una nuova posizione.

Sempre cliccando col tasto destro su un determinato valore si possono inserire gli Alert. In caso di raggiungimento del prezzo, una finestra di popup apparirà sullo schermo del computer.

Nella parte in basso troviamo il riepilogo del Portafoglio. Qui troveremo le posizioni aperte, gli ordini in sospeso, lo storico degli ordini, il saldo disponibile e il P&L. Per ogni posizione aperta esiste la possibilità di effettuare una chiusura rapida, cliccando sul pulsante Chiudi.

» Ricerca e analisi

La ricerca degli strumenti negoziabili può avvenire nei seguenti modi:

  • Ricercando il nome, il ticker o l’ISIN dello strumento a cui siamo interessati
  • Consultando le liste degli strumenti, suddivise per asset.

Un limite della cTrader può essere visto nella mancanza di una sezione con i migliori/peggiori di giornata oppure dei market movers. Se invece si vuole utilizzare uno Screener sulla cTrader occorrerà scaricare dei plugin specifici dal sito ufficiale ctrader.com.

» Come inserire un ordine

L’inserimento degli ordini può avvenire in tre modi:

  • Cliccando col tasto destro sul grafico dello strumento che vogliamo tradare e scegliendo Crea nuovo ordine
  • Completando la mascherina di immissione ordini nella parte destra della piattaforma, dopo aver ricercato lo strumento che vogliamo tradare.
  • Con un click unico o con un doppio click attivando la modalità QuickTrade.

I tipi di ordine disponibili sono:

  • Ordine a mercato
  • Ordine limite
  • Ordine stop
  • Ordine trailing stop
  • Ordine limite stop

All’ordine principale è possibile collegare sia un ordine Take Profit che Stop-Loss. Il sistema mostrerà il potenziale guadagno/perdita e la variazione del saldo di cassa, al verificarsi di ognuno degli ordini condizionati.

» cTrader Automate

I traders più avanzati possono collegare API esterne alla cTrader attraverso la funzione cTrader Automate. Con il linguaggio c# si possono creare strategie automatiche per il trading algoritmico ma non solo. Attraverso un robot si potranno eseguire operazioni di backtest, creare indicatori personalizzati e automatizzare l’intera attività di trading.

» Trading da mobile

La cTrader è disponibile anche sotto forma di app per smartphone e tablet. L’app può essere scaricata sia sui dispositivi iOS che Android.

In linea di massima mantiene tutte le funzionalità delle versioni web e desktop, sebbene a nostro avviso perde un po’ di intuitività, probabilmente a causa del fatto che l’app non è personalizzabile in alcun modo.

Ad ogni modo le funzioni principali vengono replicate anche sull’app: dai tipi di ordine, agli alerts e all’analisi dei grafici. Per chi non ha la possibilità di connettersi dal computer l’app rappresenta un’ottima alternativa.

Gestione fiscale

Pepperstone non agisce da sostituto d’imposta, in quanto non ha una succursale sul territorio italiano e non è abilitato ad offrire il regime amministrato. Ne consegue che i traders fiscalmente residenti in Italia dovranno provvedere autonomamente alla dichiarazione dei redditi.

Questo non è tuttavia un problema, dal momento che esistono vari studi di commercialisti specializzati nei conti di trading esteri. A fronte di un pagamento annuo contenuto, questi commercialisti potranno elaborare i rendiconti e generare dei report fiscali contenenti la modulistica fiscale precompilata.  

Noi di QualeBroker.com raccomandiamo i nostri utenti di affidare la gestione della fiscalità allo studio commercialistico Dichiarativo.com. Sia che tu voglia aprire un conto di trading con XM.com, sia che tu abbia operato negli anni passati con un broker estero, i commercialisti di Dichiarativo potranno prepararti la modulistica fiscale che ti permetterà di sistemare la tua posizione con il Fisco italiano. Non presentare la dichiarazione dei redditi significa andare incontro a possibili sanzioniPer ricevere un preventivo gratuito da parte di Dichiarativo.com clicca qui.

Servizio clienti

Pepperstone fornisce assistenza ai clienti attraverso 3 canali:

  • Chat
  • Telefono
  • Email

In tutti e tre i casi l’assistenza viene fornita in lingua italiana (o in altre lingue a scelta) e il servizio è disponibile 24 ore su 24, dal lunedì al venerdì.

Dei tre canali disponibili, quello più rapido è sicuramente il servizio di live chat. Nel giro di pochi secondi si entra in contatto con uno degli operatori e si ha modo di ricevere assistenza e di avere una risposta ai nostri quesiti.

Meno rapido ma altrettanto efficiente è il servizio via telefono. Si può scegliere di contattare un numero verde oppure un numero fisso con prefisso del Regno Unito. In tutti e 5 i nostri tentativi di telefonare il Servizio Clienti abbiamo ricevuto risposta entro i primi due minuti.

Le richieste via email impiegano invece alcune ore per essere processate dal Servizio Clienti. Nel peggiore dei casi si ottiene una risposta entro le 24 ore dall’invio dell’email.

Un aspetto a favore di Pepperstone è la possibilità di essere affiancati da un Account Manager, il quale fornirà qualunque tipo di assistenza personalizzata al cliente e lo seguirà durante tutto il processo di investimento.

Giudizio finale

Pepperstone è un broker STP specializzato nel Forex e nei CFD. Essere un broker STP significa non agire da controparte nelle transazioni: Pepperstone si limita a inoltrare gli ordini dei clienti presso i suoi liquidity providers alla ricerca delle migliori condizioni di prezzo.

Questa configurazione permette al broker di agire con trasparenza e di non ritrovarsi in situazioni di potenziale conflitto d’interesse.

A livello di sicurezza, Pepperstone è autorizzato e vigilato da due enti molto rigidi: l’ASIC australiana e la FCA del Regno Unito. Questo significa che il broker deve rispettare una serie di norme volte a garantire la trasparenza e la solidità.

La facilità d’uso è uno degli aspetti più a favore di Pepperstone: Il sito web è senz’altro user-friendly, l’apertura del conto è semplice e rapida, le piattaforme adatte anche per i traders alle prime armi.

A livello di costi, Pepperstone è senza dubbio uno dei broker più convenienti in circolazione. Le commissioni si mantengono sotto la media, mentre il conto non ha nessun costo, nemmeno in caso di inattività.

Un limite di Pepperstone può essere visto nel numero ristretto di asset e prodotti negoziabili, solamente tramite i CFD. A causa della presenza dei tassi swap, esso è ideale per il trading di breve termine.

In conclusione, riteniamo Pepperstone un broker trasparente e affidabile con cui fare trading. L’assenza di un deposito minimo e la possibilità di aprire un conto demo permettono di provare il conto Pepperstone senza vincoli.

"Il 73,6% di investitori privati incorre in perdite quando investe in CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti l’elevato rischio di perdere denaro."

Qual è il prossimo passaggio adesso?

Qual è il prossimo passaggio adesso?

Non sai quale broker scegliere?

 

Scopri col nostro test quali sono i broker che più si adattano al tuo profilo di trader.

 

Fai il test e trova il tuo broker →

cattura3

Sei rimasto con qualche dubbio?

Abbiamo speso centinaia di ore testando a fondo tutti i broker recensiti sul nostro portale. Se hai dei dubbi circa un broker, oppure semplicemente hai bisogno di informazioni aggiuntive che non hai trovato all'interno delle recensioni, mandaci un messaggio oppure contattaci attraverso la nostra pagina Facebook. Saremo felici di risponderti e di aiutarti in maniera del tutto gratuita.

✅ Cosa è Plus500?

Plus500 è un broker online di CFD di fama internazionale. Fondato nel 2008, vanta milioni di clienti attivi in tutto il mondo. Nonostante la sua popolarità, questo broker offre servizi di trading nella media ed i costi per il suo utilizzo sono abbastanza elevati.

Plus500 offre una piattaforma di semplice utilizzo e una app per fare trading sui CFD azionari, di materie prime, valute ecc. Troverai tutte le informazioni rilevanti su Plus500 all'interno della recensione ufficiale.

Disclaimer: La mission principale di Qualebroker.com è di fornire recensioni, comparazioni, opinioni e analisi obiettive e imparziali. Qualebroker.com non fornisce nessun tipo di consulenza né di sollecitazione agli investimenti. La compravendita di strumenti finanziari rappresenta un elevato livello di rischio in cui si può potenzialmente perdere tutto il capitale investito. Solo coloro i quali sono consapevoli di tale rischio dovrebbero negoziare nei mercati finanziari. Operando in un’ottica di business online, Qualebroker.com potrebbe essere remunerato da terze parti inserzioniste. Tale remunerazione non va interpretata come un’approvazione o una raccomandazione da parte di Qualebroker.com, né influenzerà in alcun modo le nostre recensioni, analisi e opinioni. Per maggiori informazioni si prega di consultare il nostro disclaimer. 
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito alla negoziazione dei CFD. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre questo alto rischio di perdere il tuo denaro.
‍‍‍‍‍‍ ‍‍‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍ ‍‍‍‍‍‍ ‍‍